Cultura — 16 Dicembre 2013

Il Natale è alle porte e come ogni anno la corsa ai regali è famelica, disperata; spesso si riduce agli ultimi attimi liberi prima del cenone della vigilia, tra un mare di cose inutili che non serviranno mai. Ma si sa’, Natale è Natale e l’albero spoglio di regali sembra un po’ triste con tutte quelle luci e nessun pacchetto coi fiocchi ai piedi. Rincorsi dalla crisi o meno, gli Italiani al mito di Babbo Natale non ci rinunciano, anche se il budget è calato notevolmente: solo doni utili o per i propri bimbi.

natale solidale 2013

Natale Solidale Idee Regalo

Un natale sostenibile e solidale. Sì, perchè sono tanti coloro che decidono di fare doni oltre confine, per così dire, internazionali e tante sono le associazioni che lo permetto. Emergensy ha aperto in ben 16 città italiane i Negozi di Natale: un vero e proprio salto nelle terre in cui Emergency opera, piccole boutique nelle quali è possibile acquistare gli oggetti creati dalle mani di popoli lontani e bisognosi d’aiuto:

<<Tutto il ricavato dei Negozi di Natale sarà devoluto al Programma Italia. Un progetto pensato inizialmente per i migranti, che nel tempo si è rivolto anche a tanti italiani per i quali, in tempi di crisi, anche un ticket può diventare un ostacolo al diritto alla cura” comunica in una nota l’associazione>>

Meraviglioso, ma il tempo scarseggia e mettersi alla ricerca dei Negozi di Natale può essere impegnativo. Per fortuna ci pensa la rete perchè è possibile acquistare questi oggetti d’artigianato anche con un semplice clic. E sempre con un clic, si possono regale kit di nascita, vaccinazioni, latte terapeutico in polvere targati Save the Children. Direzione Mozambico, Nepal, Etiopia, Egitto.

natale solidale

Commovente l’idea dell’Unicef che invita tutti a partecipare al Cenone di Natale più grande del mondo, un immenso tavolo simbolico al quale si possono sedere i bambini malnutriti dei Paesi più poveri. Con soli 2 euro, 7 bambini possono ricevere nutrizione. Due euro, la cifra con cui noi acquistiamo un pacchetto di chewing gum. E quest’anno ritorna anche  Pigotta, la bambolina dell’Unicef, il cui acquisto con un contributo minimo di 20 euro, permettere di limitare la mortalità infantile.

Spendiamo così tanto tempo nella ricerca del regalo perfetto che ci dimentichiamo del vero significato del Natale: fare un opera di bene. Con questi doni, possiamo salvare la vita di qualcuno. Non dimentichiamolo.

Condividi

Sull'Autore:

(0) Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php