Estero — 09 Luglio 2014

Sta aumentando nelle ultime ore il rischio che la rappresaglia tra Israele e Hamas si trasformi in una vera e propria guerra.

Appare ormai evidente agli occhi di tutti che la tregua annunciata da Hamas il 4 luglio scorso è fallita.

Durante la notte scorsa infatti diversi razzi lanciati da Gaza hanno colpito molte città, città troppo vicine a Gerusalemme.

Si è così arrivati ad un punto di non ritorno e lo stesso primo ministro israeliano avrebbe dichiarato espressamente di prepararsi ad una possibile operazione di guerra.

israele contro Hamas

Troppi i carri armati e gli uomini dispiegati lungo il confine e troppi i nove miliziani uccisi in un solo raid lunedì mentre stavano scavando un tunnel come ha denunciato Hamas.

Del resto la capacità offensiva di Hamas è decisamente cresciuta se si pensa che è ormai in possesso di oltre dieci mila razzi che seppure non sofisticati potrebbero comunque mettere in difficoltà la popolazione israeliana.

Con la distruzione di cinque case civili la notte scorsa Israele ha varcato ogni linea rossa rendendo la situazione totalmente compromessa.

Il premier Benjamin Netanyahu Prepara L’esercito

Il premier BenJamin Netanyahu ha dato precise disposizioni all’esercito per una possibile offensiva sulla Striscia di Gaza, offensiva che si prospetta lunga ed estenuante.

Benjamin Netanjahu

Benjamin Netanjahu

Una situazione insomma che sta sfuggendo ad ogni controllo e che potrebbe comportare un rischio troppo alto in termine di vite umane. Una strage civile annunciata sia per lo stato israeliano che per quello palestinese.

k13

Condividi

Sull'Autore:

Karen Benedetti
Karen Benedetti

(0) Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php