Cultura — 09 Gennaio 2014

Lo spettacolo è affascinante e c’è da dire che i 30 gradi sotto lo zero non si sentono neppure di fronte ad uno spettacolo come quello della città di Harbin, in Cina, al confine con la Siberia, dove pochi giorni fa ha presto il via il Festival Internazionale del Ghiaccio, giunto alla sua 3oesima edizione.

harbin festival ghiaccio

Festival del Ghiaccio Cina

Oltre 10 mila scultori provenienti da tutto il mondo si sono dati un gran da fare ed in poche settimane hanno allestito una vera e propria città di ghiaccio, utilizzando 180 mila metri cubi di ghiaccio e 150 mila metri cubi di neve, provenienti dal fiume Songhua. Li hanno scolpiti a mano oppure con dei laser apposta, utilizzando l’acqua deionizzata per rendere il ghiaccio trasparente come il vetro. Sembra uscita dal mondo delle fiabe la fredda città di ghiaccio, con alti edifici, monumenti, raffigurazioni mitologiche e di animali feroci. La torre del castello, alta ben 26 metri e lo scivolo di ghiaccio che di metri ne raggiunge 240 sono le attrazioni principali, un modo nuovo per divertirsi, date le innumerevoli piste di pattinaggio che si dispiegano nel bel mezzo delle sculture. Mostre fotografiche, spettacoli pirotecnici e gare di slittino completano il tutto. E per i più freddolosi, niente paura, gli organizzatori hanno pensato anche a loro, creando numerosi punti ristoro in cui assaporare una buona bevanda calda. E’ una città tutta la vivere, e l’emozione di camminare su un ponte di ghiaccio sospeso nel vuoto di certo non si prova tutti i giorni. Durante la notte, invece, tutto si trasforma, Harbin viene letteralmente avvolta dalla magia delle luci che, riflesse dal ghiaccio, creano uno splendido effetto tridimensionale.

sculture ghiaccio cina

Un festival sensazionale che ogni anno attira oltre un milione di turisti che, sfidando il freddo polare, si godono questo meraviglioso spettacolo. La manifestazione si chiuderà nel mese di febbraio, quando gli stessi turisti avranno la possibilità di distruggere le sculture con dei piccozzi.

Condividi

Sull'Autore:

(0) Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php