Politica — 17 luglio 2015

Rosario Crocetta, il governatore della Regione Sicilia,  si dimette dopo la diffusione di una intercettazione da parte de l’Espresso su una conversazione tra Crocetta ed il suoi medico Matteo Tutino; la frase choc che trapela è “Lucia Borsellino va fermata, fatta fuori. Come suo padre”.

Il Governatore in lacrime si dimette e si dichiara distrutto, poi, però nel pomeriggio la frase viene smentita dalla procura e Crocetta prende fiato, respira. Si riorganizza e riprende tono, contattando il suo avvocato.

crocetta borselino

Rosario Crocetta

La Procura smentisce e L’Espresso Conferma – Caso Crocetta Borsellino

L’assessore Lucia Borsellino, figlia del servitore dello stato Paolo morto in un attentato di mafia nel 1992 subito dopo il giudice Falcone, rimane indignata di fronte a tali frasi che legge dai media.

Nella regione Sicilia regna dunque caos, con record di dimissioni tra gli assessori e con un bilancio dei conti in forte negativo, con possibilità di default.

Lucia Borsellino crocetta

Lucia Borsellino

Anche se la procura smentisce, l’Espresso conferma e ribadisce che si tratta di intercettazioni segretate e che pubblica anche sul web…a pagamento!

La domanda nasce spontanea: “Come ha avuto l’Espresso tali documenti, che segreti non sono?”

Altra domanda: “Tali intercettazioni sono segrete anche alla Procura?”

Condividi

Sull'Autore:

Karen Benedetti
Karen Benedetti

(0) Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php