Salute e Medicina — 19 Giugno 2013

L’alcolismo è diventato oggi un fenomeno inquietante se si considera il numero delle vittime sempre più elevato di anno in anno. Una macchia d’olio che si sta espandendo soprattutto tra i giovanissimi e va arginato quanto prima per limitare i danni e tutte le possibili conseguenze sull’intera società civile.
Una risposta oggi potrebbe arrivare da una ricerca condotta da Michael S. Irwing assistente professore di medicina presso la George Washington University. Si tratta di uno studio che approfondisce il rapporto tra alcool e finasteride, il farmaco comunemente usato per contrastare l’alopecia androgenetica ossia la caduta dei capelli negli uomini e usato anche per curare la prostata ingrossata.

alcolismo

Smettere di bere

 

Efficacia ed Effetti indesiderati della Finasteride contro Alcolismo

Secondo questo studio dopo aver ottenuto risultati sorprendenti sui roditori, un gruppo di uomini è stato sottoposto a sperimentazione e nel 65% degli interessati si è notato una riduzione del consumo di alcool e ben 18 uomini sono diventati totalmente astemi.
L’efficacia del farmaco sembra legata ai neurosteroidi, gli ormoni e neuro-modulatori in grado di stimolare alcune aree cerebrali legati alle emozioni.
L’alcool infatti agisce sulla produzione di neurosteroidi portando ad uno stato di euforia e alla diminuzione delle inibizioni effetti contrastati fortemente dall’impiego della finasteride.

Purtroppo, come tutti i farmaci anche questo non è esente da effetti collaterali tra cui i più importanti sono la diminuzione della libido e un deficit di erezione.
Resta tuttavia il fatto che la scoperta ha aperto nuovi orizzonti e nuove prospettive non solo nel rapporto tra finasteride e alcool ma anche tra neurosteroidi e malattie psichiche.

k13

Condividi

Sull'Autore:

Karen Benedetti

(0) Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php